FOLLOW US ON   Segafredo Facebook Fan Page Segafredo Iberia Instagram Segafredo Twitter Page
Chercher sur le site
Share this page on
Facebook
Twitter
Maratona dles Dolomites
10 Juillet 2017

Maratona dles Dolomites

La Maratona dles Dolomites, regina delle Granfondo internazionali di ciclismo e sponsorizzata da Segafredo Zanetti, si è tenuta come ogni anno in Alta Badia facendo registrare numeri da record.
La prima edizione si è tenuta nel 1987 e i partecipanti furono 166, provenienti da Italia, Germania e Austria. Da allora il numero dei ciclisti è aumentato di anno in anno: nel 1990 sono stati poco meno di 1.000 e dopo qualche anno più di 6.000.
Nel 2017, 31esima edizione, le richieste di partecipazione sono state più di 33.000 ma solo 9.500 tra i più fortunati ad essere estratti hanno potuto prendervi parte.
Che sia un evento di assoluto richiamo internazionale lo testimonia la provenienza dei corridori: 50% italiani e 50% stranieri provenienti da tutti e cinque i continenti: Germania, Gran Bretagna, Paesi Bassi e Danimarca sono stati i paesi europei con più presenze, mentre Emirati Arabi, Thailandia, Cina, Costa Rica e Brasile sono stati quelli con i ciclisti arrivati da più lontano.

La durissima competizione contempla nel suo percorso il superamento di 7 passi dolomitici: Campolongo, Pordoi, Sella, Gardena, Falzarego, Giau e Valparola, tutti rigorosamente chiusi al traffico.
Un sali e scendi in mezzo alle bellezze delle Dolomiti, patrimonio mondiale dell’Unesco, con il solo scopo di vincere la gara con sè stessi e terminare il percorso che si è deciso di affrontare durante la gara.  
 
C’è chi sceglie il giro classico del Sellaronda (55 km per 1780 metri di dislivello), chi il giro medio (106 km per 3130 metri di dislivello), mentre i più temerari optano per la maratona vera e propria (138 km per 4230 metri di dislivello). I tre percorsi di gara sono stati chiusi al traffico per permettere a tutti i partecipanti di godersi appieno i suoni e i colori di queste montagne da favola.

Il tema dell’edizione 2017 è stato l’amore (”amur” in lingua ladina). Perché è proprio il cuore il motore che spinge ogni singolo ciclista nel proprio viaggio su due ruote lungo le Dolomiti.

Anche per la Maratona dles Dolomites Segafredo ha offerto ai partecipanti migliaia di caffè: bastava farea una breve sosta al Segafredo Pit-stop caffè posizionato in cima al Passo Gradena.